robba

robba

marzo 10, 2005

viaggio verso la prossima storia e la mia giornata. dipendenza dal mio taccuino, mille. andare a un party non ha senso se non posso poi trascriverlo. talvolta accade di dimenticarlo in ufficio, allora disdico l'impegno. talvolta la scoperta arriva troppo tardi. l'altra sera, per esempio, un invito a cena senza vegetali, ma ho giusto un piatto di riso caldo e ortaggi al vapore nella borsa da postino. al centro di ampie stanze, assaggio le molte varietà dell'umorismo. l'attenzione su un rett butler nostrano che versa supertuscan e su certe spuntature. alcuni bicchieri dopo, rubo whisky e sigarette e parlo d'informazione televisiva con un israeliano. una volta a casa, applico sovrappensiero la crema idratante. la notizia arriva al mattino. butto all'aria tutto: taglio il divano, setaccio il frigorifero, svuoto i cuscini. finché, in ritardo e in maniche di camicia, accetto un calmante. poco dopo, parole caliginose in una grafia lunga e artificiale circondano la vespa, mentre viaggio verso la prossima storia e la mia giornata.

robba 12:22
Powered by Blogger