robba

robba

febbraio 17, 2005

l'aria è musicale. puntuale è il benessere che colpisce l'uomo moderno quando torna in città. sorprendente è l'intelligenza dei tram che scorrono sui propri binari, la maestà delle piazze che accolgono chiunque senza scomporsi, la fantasia delle edicole che offrono qualunque cosa a qualunque prezzo. così, lungo il parco, ascolto i bisbigli dei barboni che predicono il futuro negli orecchi. aprendo le porte del mio palazzo, scopro che gli inquilini dell'ultimo piano alternano serate di pinot nero e cabernet, in vista di sideways. chiudendo l'ascensore, sul tavolo di cristallo, trovo un invito per l'inaugurazione di una mostra e lo sconto per un salone di bellezza. l'aria è musicale, mentre leggo il pensiero di ulrich e l'acqua riempie la vasca da bagno.

robba 18:30
Powered by Blogger