robba

robba

febbraio 09, 2004

l'ala di un grande uccello preistorico. mentre la città guarda la partita, osservo padre e figlio discutere. il primo dice che la morte di nove rinoceronti lo distrugge. la perdita di centinaia di vite umane è preferibile alla scomparsa di un'intera specie animale. il secondo ribatte che questo lo rende un uomo cavo. privo della capacità di comprendere pesi e valori. apro una bottiglia di vino rosso e la vista si fa opaca. il padre ruggisce, il figlio si alza in piedi come un orso bruno. l'uno impugna un'idea platonica, l'altro afferra l'ala di un grande uccello preistorico. quando torna il silenzio facciamo un salto al sanatorio. durante la cena parliamo di caccioppoli e del lavoro moderno. di astenia e turbini dell'ansia. alle undici torniamo per ascoltare la conversazione settimanale. ciascuno lungo il suo divano e sotto il proprio paralume.

robba 09:00
Powered by Blogger