robba

robba

febbraio 25, 2004

www.lomohomes.com/kalterStern
gli alberi girano come le spazzole di un grande autolavaggio. un lavoro inutile, come il mio, ha i suoi vantaggi. per cominciare sogno più degli altri. quando suona la sveglia del filosofo, apro un momento gli occhi. lui va in cucina a scaldarsi accanto al fornello a gas, fa la doccia pieno di sapone come edwige fenech e infine viene a porgermi la mano. lo guardo un attimo, lo riconosco e subito dopo mi riaddormento. ciò significa due sogni per notte ed una bolletta italgas da centocinquanta euro per la fine del mese. quando mi alzo là fuori gli alberi girano come le spazzole di un grande autolavaggio. spengo la radio, riempio il bollitore per una tisana, metto un disco e leggo i giornali del giorno prima. questa mattina ho anche marie claire. c'è un'intervista a jonathan franzen in cui lui dice di aver impiegato cinque anni a scrivere le correzioni e che tra una crisi e l'altra da foglio bianco scendeva al bar all'angolo a rimpinzarsi di fritti e birra. aggiunge anche che adesso ha comprato una casa in un quartiere di new york dove le botteghe vendono oggetti antichi senza credersi antiquari. che una delle cose che in assoluto gli piace fare è giocare a tennis in doppio con kathy. nel foglio rosa invece ritrovo l'articolo di vittorio messori sul film di mel gibson. nel frattempo la tisana, rivitalize, è gelata. a casa non ci sono orologi, e il telefono è spento, ma immagino che il tempo stia passando. guardo a lungo l'armadio pensando a qualcosa di neutro, perché stasera vado a cena da zio paolo. lui è il tipo che si fa stirare le camicie in tintoria anche d'estate e che compra due paia di church's uguali perché siano sempre perfette. alla fine mi vesto ripetendo le regole (non comprare mai nulla che non sia pianificato, i pantaloni e le gonne possono essere stracci, ma i golf, le borse, le scarpe e i soprabiti no). il cielo grigioperla si riflette nello specchio. osservo da vicino le lentiggini, prendo i capelli tra le mani. poi esco, lasciando la porta aperta.

robba 13:32
Powered by Blogger