robba

robba

gennaio 14, 2004

noleggiare una nave rompighiaccio. altra giornata grigia. non ho perso la metropolitana e quindi ho trovato il mio fidanzato a letto con una spagnoletta. ago e filo per cucirsi la piega dei pantaloni. floriana viene a stirare venerdì, ieri si era infilato un paio dei miei vecchi gas, oggi ha ripiegato su un paio nuovo ma senza orli. giorni insapori, senza capo ma con coda, che se non li butti via subito puzzano come un pesce intero. ho capito, guardando film e azionando la centrifuga, chi sono le mie icone dello stile. gwyneth paltrow in sliding doors e scarlett johansson in lost in traslation: grigi golfini striminziti e molti pantaloni. un passo indietro, forse. recentemente mi buttavo più sulla diane keaton di io e annie. verso i cinquanta già lo so: imiterò sfacciatamente gena rowlands in un'altra donna. in questo senso non vedo l'ora di avere cinquantanni. questione di un battito d'ali, quelle del pesce suddetto. intanto mi limito a giocare a pelota con il mio cervello. alitalia fa un'offerta per dubai. io scrivo un articolo sul nulla. una terribile paura degli ospedali ci spinge a depennare la lista degli amici più cari. il finale è incerto: una barra nera sul nostro stesso nome o il nostro stesso nome su una bara nera. perciò riparo. eccomi qua, mi presento: una pescheria in fiamme sotto un lago solidificato. e neanche a dirlo grigio. gli ultimi estintori si chiamano ayurveda calming tea ed orange bud. ma sapete, vorrei noleggiare una nave rompighiaccio.

robba 14:12
Powered by Blogger