robba

robba

dicembre 31, 2003

un nuovo anno. il duemilatre è letteralmente agli sgoccioli. l'ho appena scannerizzato e in effetti non ne rimane granché. a meno di dodici ore dal botto definitivo, la gente è tutta presa a trainare grosse confezioni di stinchi umani. e pile di lenticchie grandi come frisbee per i vegetariani. nei saloon all'angolo i deputati dell'opposizione distribuiscono cipollotti e bombe a muro ai minori di tre anni. nelle carceri i party più esclusivi. grande attesa per il messaggio dei presidenti della repubblica: i due gemelli siamesi parleranno sincronicamente e non è detto che ci si capisca qualcosa. e tuttavia pannella è ancora in sciopero della fame per una corte penale internazionale che giudichi, uno a uno, l'intera umanità. un paio di costituzionalisti ha proposto il metodo pronto raffaella. sarà. io me ne sto tra i miei due pollici ad ascoltare billie holiday e a riflettere sulle grandi combinazioni a tris. le nuvole hanno preso la forma di batteri, quasi che il cielo fosse un grande sputo. il mio té sa di brodo di scarole agitato da pensieri lugubri. non fossero già state abbattute le torri, staccate a morsi da una bocca trasparente grandi fette d'iran, soggiogate le nostre madri da una scatoletta di tonno che non si apre, direi qualcosa di stupido. ma, ora come ora, non me lo ricordo. più che altro: ci vediamo l'anno nuovo, che sia o meno anche un nuovo anno.

robba 14:01
Powered by Blogger