robba

robba

dicembre 13, 2003

immersa e natante, a pane e acqua. ha ragione franz. se natale deve prendermi alle spalle, che almeno sia un natale alla abel ferrara. che qualcuno mi sequestri, o mi arresti, ventiquattrore prima di vedermi galleggiare nella minestra maritata. che l'ultimo giorno di compere, nella ressa di via borgognona, una mano mi sollevi per il golfino bianco e mi scarti come una cavia dall'incubatrice. prometto di non squittire. purché, per favore, mi si risparmi il chewingum natalizio. i parenti, i pacchetti, l'albero, i piatti, la cartastraccia. ci saranno altri tempi o modi, non questi. mi si cucia pure a doppio filo alle sbarre di una prigione periferica. immersa e natante, a pane e acqua, protetta e al sicuro dai numeri ordinali.

robba 13:24
Powered by Blogger