robba

robba

novembre 17, 2003

i fomà fomìc del nostro tempo. sono stanca. nell'ultimo finesettimana io e cicci abbiamo compiuto un'impresa delle nostre: realizzare un trasloco senza traslocare. i mobili erano quelli della nostra vecchia casa di via alberto fortis, trasportati con un camion da via merry del val-roma, dove si trovavano in comodato gratuito sino a sabato, a via sanfelice-napoli, dove si trovano oggi. una fatica mica da poco, però alla fine anche istruttiva. vale come appunto per tutti i finesettimana grigi destinati alle pantofole. alla fine l'operazione si è rivelata una vendita vantaggiosa e, al ritorno, per festeggiare, ci siamo fermati in un ristorante supersquallido sulla via di cassino. con tanto di camionisti, camerieri in fascia nera, mozzarella la fine del mondo e conversazione incentrata sui fomà fomìc del nostro tempo. va da sé che oggi al lavoro è stata dura. come ormai capita sempre più frequentemente, mi sono alzata dalla scrivania solo per un paio di bicchieri d'acqua e per comprare un trancio di pizza. è stata dura riuscire ad evadere entro le sette, giusto per prendere qualche verdura fresca al supermercato delle starlette di viale romania. in compenso la cena è quasi pronta. la casa, con la sorprendente floriana, è meno ordinata, ma i bicchieri brillano come specchi. sarà la stanchezza che mi rende più tollerante, ma per me che in questo momento ci infilo un doppio whiskey con un cubetto di ghiaccio, è tanto. davvero.

robba 20:16
Powered by Blogger