robba

robba

ottobre 11, 2003

paura che qualcuno mi accoltelli alla schiena. ieri era giorno di riposo. il primo della mia vita. non che mi sia mai mancato il riposo. ma ieri era il primo ufficiale. obbligatorio. dunque proprio non potevo avere sensi di colpa. ad ogni modo ho lavorato il doppio del normale. una volta a cuor leggero, ho dedicato tre quarti di giornata al mio necessarie da serial killer. riordinare l'armadio in modo talmente maniacale che qualunque pubblico ministero, aprendolo, risolverebbe finalmente il mistero dell'omicidio marta russo. per esempio. oppure risintonizzare per indice di gradimento le quaranta preselezioni della radio. nel farlo ho scoperto che erano molti mesi che non ascoltavo qualcosa di diverso da radio radicale. diverso da sedute del parlamento eccetera. in genere, anche se l'argomento è noioso e mi dà ansia, non riesco a cambiare stazione. non lo faccio perché ho sempre paura che qualcuno mi accoltelli alla schiena. ma ieri, appunto, era riposo. perciò nel pomeriggio sono andata in giro per strade tipo via dei balestrari e dintorni senza nessun alibi. di questi tempi, verso le sette, lì c'è tutto un odore che conosco. cose che sentivo da piccola tornando da scuola in sere d'inverno, epoca terremoto oppure epoca abbruzzese. più tardi invece ho bevuto un harmonium. un nero d'avola perfetto, che veronelli definisce un magma ed io associo più facilmente al disco di rea che m'ha regalato gaia.

robba 13:07
Powered by Blogger