robba

robba

settembre 07, 2003

magia di un cognome. quel piccolo grande uomo di liopold ieri sera era a cena a casa leopardi (in quel di recanati). in queste occasioni chi lo conosce bene, e tuttavia non crede di privarsi della sua invero assai gradevole compagnia, ha ben di che temere. così, per esemplificare: se il nostro trovasse accesso ad una tavola guarnita di sacerdoti polacchi, avrebbe certamente parole senza peli per il sostituto di pietro. mentre se, per converso, i lembi della mensa fossero tenuti da fior fior di illuministi, egli stenderebbe le sue odi folgoranti alla grazia divina. ieri si è dato il caso che il teppista radicale trovasse posto accanto alla gentile madre di bruti liberati. trattasi, per intenderci, di quel tale che presiedendo l'associazione nazionale magistrati pareva ad un tal momento dover sul serio aprire varchi per liberare bruti. magia di un cognome. tuttavia la deliziosa signora ha avuto l'animo e la forza di fare esattamente il contrario. imprigionato al punto giusto, il caro liopold s'è adagiato in un idillio.

robba 16:20
Powered by Blogger