robba

robba

marzo 10, 2003

smettere di guardarsi in soggettiva. dare un'occhiata alla propria esistenza affacciati a «la finestra di fronte». nel film di ferzan ozpetek sembra questa la strada per ritrovare se stessi, non certo la felicità. il film in questo senso è bellissimo. dolce e lirico anche quando descrive la fragilità, forse la superficialità, di filippo. il conseguente abbrutimento di giovanna che è costretta a battersi con la vita praticamente da sola. il sacrificio, o meglio, l'abbandono da parte di chi - giovanna, davide - meritava qualcosa di più ed era a un passo dall'ottenerlo. la scelta consapevole, ad un bivio, della strada forse migliore ma più dolorosa.

robba 15:19
Powered by Blogger