robba

robba

marzo 06, 2003

maledizione di mauro suttora, ieri sera mi è toccato partecipare a questa cena per festeggiare la pubblicazione di un repertorio di massime del sole 24 ore. diecimila sentenze, una noia inestimabile. classica uscita tra colleghi alla larga e consulenti vari, compresa di mogli nonfumatrici che pretendono di stare nella parte nonfumatori e fidanzate con stivaletti alla lyudmila putin. ristorantino-sola mostruosamente ibrido («il dito e la luna», via dei sabelli 51), un po' siciliano un po' nouvelle cousine, che regala il coperto ma fa il treccartaro con il resto. tavolata oltre il consentito (sei persone), maleducata e ingestibile, con vino immobile a centro tavola e troppe inutili bottiglie d'acqua. sopravvivenza garantita soltanto grazie a una torbida conversazione con un'editrice di rifondazione, single e collezionista di avventure ferroviarie con sconosciuti e iperpoliticizzati operai eni.

robba 16:32
Powered by Blogger